Set di 10 10 10 prese 2PT 16A Céliane alluminio completa 67111684128025168921 9280cd
LAPP LAPP 4160314 Cavo per cablaggi Multi-Standard SC 2.1 1 x 1 mm² Blu scuro 10,Dehn 920326 – Modulo Blitzductor xt-ml4-be-60 (k5q),Gewiss GW45342 accessorio per dispositivo modulare (882),Legrand - Spina multipla, nero, LEG50508 3680 wattsW, 230 voltsV (FHQ),GEWISS GW64062 - AD.ST.2PT 32A 230V 3X2PT,Legrand LEG96650 - Presa TV FM SAT, linea Niloe (D13),Presa interbloccata Legrand Tempra 2PT 2X16AT 230V IP55 057314,GEWISS GW82298 - ATTAC.TESTA PALO SNODO SING.EXTRO G.GRAF,RELE' TERMICO 2-3,3A ( LOVATO cod. 11RF933 ),Distributore di Potenza TD-S 2x16A 4x230 Pannello Distribuzione Energia da,Schneider GV2P08 Interruttore Automatico Mth 2,5-4 a Bianco (36h)REV Ritter 0577710555 - Prolunga CEE H05RR-F3G, 1,5 mm², 5 m (a5s),Stayer – SAB 780 BR,Busch-Jaeger, Presa Schuko e USB Future Linear, 20EUCBUSB-84 (T9z)HellermannTyton Pinza per fascette fermacavi HellermannTyton,Siemens – Contatore Lexic AC3 5,5 kW 400 V 1 NA 24 VDC 3 poli S00 (MHZ),ABB 3HAB6182-1 R8D BOARD DSQC335IDE GN304015 SP SURROUND DA PARETE METALLICO IP66 RAL7035, FAI DA TE, NEW (5se),Schneider m9 F15201 Multi 9 OEM Interruttori differenziali c60h 2 poli 1 a (WAN),EATON DILM17-10(RDC24) CONTATTORE DI POTENZA PER MOTORI 7,5KW 1NA,LAPP LAPP 71220122 Cavo a spirale ýLFLEXý SPIRAL 540 P 1500 mm 5000 mm 5 x 0.7,PLACCA 7M argentoO PERLATO ( VIMAR cod. 14657.75 ),DIF MAGN 2P 06A 1,5KA,Gewiss GW95039 interruttore automaticoLegrand LEG52943 - Spina destra hypra ip44 32 A 380 415 V 3pt in plastica (R58)Avvolgicavo 30MT 3PR CEE SP CEE blu IP44,Schneider a9 F06310 interruttore magnetotermico ic60h, 3P, 10 a, b (m0p),Legrand LEG411617 - Interruttore differenziale DX-ID, vite vite, 4P 230 V (p4S),FINDER RILEVATORE DI PRESENZA DA SOFFITTO 18218230,Varilight 3 Gang 1-Way TELECOMANDO TATTILE Touch Control MASTER LED dimmer luce Svizzera,
Condizione:
Nuovo: Oggetto nuovo, non usato, non aperto, non danneggiato, nella confezione originale (ove la confezione ... Maggiori informazionisulla condizione
Amperaggio: 16
Marca: Legrand MPN: 067111x10+068412x10+080251x10+068921x10
EAN: Non applicabile Tensione (V): 230

Set di 10 10 10 prese 2PT 16A Céliane alluminio completa 67111684128025168921 9280cd

di Redazione

Aveva 59 anni quando è morto il 26 febbraio 1154 a Palermo. Re Ruggero aveva appena 36 anni quando inizia la costruzione della Cattedrale di Cefalù. Sarebbe dovuta essere il mausoleo di famiglia. Vicino al coro dei canonici, nel centro della navata centrale, aveva fatto collocare, infatti, due sarcofagi che avrebbero dovuto accogliere le sue spoglie e quelle del figlio che avrebbe regnato dopo di lui. Quando muore, però, re Ruggero viene sepolto nella Cattedrale di Palermo. Il suo corpo sarebbe dovuto arrivare a Cefalù dopo la consacrazione della Cattedrale. Così non è stato. Federico II, infatti, fece trasportare i due sarcofagi a Palermo e li fece collocare nella Cattedrale. In uno vi fu seppellito lo stesso Federico e nell’altro vi fu traslato il corpo di re Ruggero. 

Del volto di Ruggero a Cefalù non sono rimaste molte tracce. Sappiamo di una raffigurazione che ritraeva il Re, incoronato e in vesti regali, mentre con la mano destra donava la Cattedrale a Cristo. Faceva parte di una serie di cinque dipinti che si trovavano nella parete di una delle torri della facciata della cattedrale adibita a campanile. Dei cinque dipinti non c’è traccia. Nel corso del ‘600 quattro di queste cinque raffigurazioni vennero riproposte su tela e collocate nelle pareti laterali del bema della cattedrale entro quattro grandi nicchie rettangolari. Sono stati rimossi durante i lavori di restauro ed oggi si trovano nella sagrestia. La prima di queste tele mostra Ruggero II mentre dona la Cattedrale al Salvatore. Il fatto che riporti in basso lo stemma del vescovo Marco Antonio Gussio (1644-1650) fa supporre che che si deve a questo vescovo la loro commissione. Questa tela è una delle poche immagini che Cefalù si ritrova del suo re Ruggero (nella foto).

A riproporre il volto di Ruggero ai cefaludesi, dopo alcuni studi, è stato l’artista Salvo Salvato. Lo ha mostrato ai cittadini nel corso di una mostra allestita nell’ottagono di Santa Caterina durante le festività natalizie del 2010. Il volto di questo Re faceva parte di una Statua alta sei metri. Per tre anni l’opera era rimasta nei magazzini di Palazzo Riso a Palermo. Proprio alla vigilia del Natale del 2010 era stata portata a Cefalù perché il 26 febbraio del 2011 si sarebbe dovuta collocare al Molo. Così non è stato. Quella Statua non è stata mai collocata ed oggi si ritrova distrutta ed abbandonata fra i confini della città di Cefalù.

A distanza di otto anni riproponiamo una riflessione di don Liborio Asciutto, pubblicata da cefalunews nel febbraio del 2011, quando la statua si doveva collocare al Molo, territorio della parrocchia da lui guidata.

«Quando ho saputo dell’iniziativa di porre al molo la Pietra della Memoria e ho visto la statua di Ruggero ne sono stato entusiasta. Mi colpiva la ieraticità del volto regale e trovavo estremamente consono l’abbinamento col molo, luogo d’ingresso dal mare verso la città». Per don Liborio la collocazione di quella statua rappresentava «un elemento senz’altro arricchente per il turismo di Cefalù, così come lo sono state le vetrate di Michele Canzoneri per la cattedrale e come lo sarebbe, se sarà realizzato, il portone proposto nel bozzetto di Pomodoro: il moderno che si lega al passato e apre a nuovi orizzonti». Per il Parroco dell’Itria il discorso sulla Pietra della memoria spingeva a guardare a tutta la città di Cefalù. «Allargando il discorso, non dovremmo interrogarci sul senso della nostra Città, su ciò che la caratterizza nel suo profondo e dalle sue origini? Le opere in essa realizzate, la sua struttura, la sua posizione non ci indicano forse dei percorsi da intraprendere o da perseguire? Spesso sono tornato sul ‘sogno di Ruggero’ quale riproposizione utopica ed ecumenica del suo far convivere cristianesimo e islam; ma questo potrebbe essere solo un piccolo tassello da connettere ad altri tasselli, per fare di Cefalù una città-laboratorio di idee e progetti che si concretizzino in realtà effettive di crescita e di sviluppo».

E don Liborio, quasi profeticamente, così chiudeva allora la sua riflessione: «Non possiamo non constatare con amarezza come, di decennio in decennio, Cefalù non solo non si è abbellita di nessuna opera esterna (monumenti, piazze, opere d’arte), ma la sua ‘immagine’ si è sempre più deteriorata e degradata. Forse, accanto ad una Pietra della Memoria, occorrerebbe pensare ad una Pietra del Riscatto, che spinga Cefalù a credere in sé e a risollevarsi».

Condividi0
@2019 - cefalunews.org. All Right Reserved. Designed and Developed by PenciDesign