Pferd, 43503061, 43503061 pennello RBU 12528 14 14 14 ST 0,30 SG (p9b) 0c87d5
Wago, Pannello comando AC DC 250V, 289-131 (L5Z),Bachmann 333.616 Ciabatta con 12 prese (539),Extech EX330 - Multimetro digitale mini AC DCBTICINO CQD416 54 CENTRALINO DA CANTIERE ASC IP55 CON 2 PRESE INDUSTR DA 230VAC,Merten 475339 M-PLAN, Placca di copertura in metallo, 3 moduli (R0m),Busch-Jaeger 6401U-102 Busch Inserto relè universale (VJD)Legrand, LEG200263, Céliane morbida LEG200263 4x alternata Accensione (45H),GUAINA TERMORESTRINGENTE BLU 2 1 diametro 25 mm termoretraibile SENZA SCRITTE,Siemens SIRIUS – Contatore Lexic 50 A 230 V 22 kW 1 NA 1NC morsetto vite (772)Schneider Electric 04690 FLANGIA PER BARRE Piatte, Bianco,Mennekes 550 amv-top connettore singola parte del corpo, prossoezione IP (n3j)Quadro da parete in lamiera con portello pieno 12 moduli DIN BTICINO E109P 12D,Lang Sports einseitig arrossoolato, o. cono, 1000 X 45 X 5 mm, effetto (CFG),Abb ABB335884GSB - 335884gsb tirare interruttore bipolare 63 una (r1V),Electraline 35603 Multipresa con 3 prese e 2 usb Cover in Silicone (925),Allocacoc 1407 DEEUPC power extension - power extensions (grigio, bianca),LAMPA 16104 Catene Neve, S-16, Gruppo 22, 2 pezzi,T7234WF 160B - SEZIONATORE MW250 - 4P 160A FRONTALE BOBINA,NodOn NODECRC3604 Press buttons verde remote control - Remote Controls (N8v),Busch-Jaeger 6815-212, Comando interruttore con luce di orientamento, (z2P),Contrinex Contrinex LTK-1050-303-505 Fotocellula a riflessione a tasteggio Commu,Legrand LEG89381 - Scatola per tetti solai batibox di cartongesso,190 x (I5O),Schneider Electric A9 N21555 Idpn N 1P n 6000 °C6 (k6v),Merten Modulo di comando elettronico, MEG5151-0000 (OYS),Hager – Presa VGA S-B con connettore vite bianco polare lucido (y1g),Hager etc225s – Contatore Lexic silenzioso D neutro 25 A 2 na (V1U)100 x 2 Core Arancione Flessibile Cavo di alimentazione .75 mm FLEX decespugliatore rasaerba AltoparlanteSPECTRUM Antico Bronzo Sabb interruttori della luce, spina prese, soffuse, fornelli, fusibileMonitor interno per videocitofono Smartwares DIC-22202 – 720p HD – (Z2g),Knightsbridge 20A Bianco 1G DOUBLE POLE Parete Interruttore & Neon gamma di ghiaccio,
Condizione:
Nuovo: Oggetto nuovo, non usato, non aperto, non danneggiato, nella confezione originale (ove la confezione ... Maggiori informazionisulla condizione
Marca: Pferd
Modello: 43503061 MPN: 43503061
Part Number 2: 43503061 ID: (p9b)
Gruppo prodotto: Bricolage Formato: Strumenti e hardware
Publisher: Pferd Lista EAN: 4007220806869
Studio: Pferd Etichetta: Pferd
EAN: 4007220806869

Pferd, 43503061, 43503061 pennello RBU 12528 14 14 14 ST 0,30 SG (p9b) 0c87d5

di Redazione

Aveva 59 anni quando è morto il 26 febbraio 1154 a Palermo. Re Ruggero aveva appena 36 anni quando inizia la costruzione della Cattedrale di Cefalù. Sarebbe dovuta essere il mausoleo di famiglia. Vicino al coro dei canonici, nel centro della navata centrale, aveva fatto collocare, infatti, due sarcofagi che avrebbero dovuto accogliere le sue spoglie e quelle del figlio che avrebbe regnato dopo di lui. Quando muore, però, re Ruggero viene sepolto nella Cattedrale di Palermo. Il suo corpo sarebbe dovuto arrivare a Cefalù dopo la consacrazione della Cattedrale. Così non è stato. Federico II, infatti, fece trasportare i due sarcofagi a Palermo e li fece collocare nella Cattedrale. In uno vi fu seppellito lo stesso Federico e nell’altro vi fu traslato il corpo di re Ruggero. 

Del volto di Ruggero a Cefalù non sono rimaste molte tracce. Sappiamo di una raffigurazione che ritraeva il Re, incoronato e in vesti regali, mentre con la mano destra donava la Cattedrale a Cristo. Faceva parte di una serie di cinque dipinti che si trovavano nella parete di una delle torri della facciata della cattedrale adibita a campanile. Dei cinque dipinti non c’è traccia. Nel corso del ‘600 quattro di queste cinque raffigurazioni vennero riproposte su tela e collocate nelle pareti laterali del bema della cattedrale entro quattro grandi nicchie rettangolari. Sono stati rimossi durante i lavori di restauro ed oggi si trovano nella sagrestia. La prima di queste tele mostra Ruggero II mentre dona la Cattedrale al Salvatore. Il fatto che riporti in basso lo stemma del vescovo Marco Antonio Gussio (1644-1650) fa supporre che che si deve a questo vescovo la loro commissione. Questa tela è una delle poche immagini che Cefalù si ritrova del suo re Ruggero (nella foto).

A riproporre il volto di Ruggero ai cefaludesi, dopo alcuni studi, è stato l’artista Salvo Salvato. Lo ha mostrato ai cittadini nel corso di una mostra allestita nell’ottagono di Santa Caterina durante le festività natalizie del 2010. Il volto di questo Re faceva parte di una Statua alta sei metri. Per tre anni l’opera era rimasta nei magazzini di Palazzo Riso a Palermo. Proprio alla vigilia del Natale del 2010 era stata portata a Cefalù perché il 26 febbraio del 2011 si sarebbe dovuta collocare al Molo. Così non è stato. Quella Statua non è stata mai collocata ed oggi si ritrova distrutta ed abbandonata fra i confini della città di Cefalù.

A distanza di otto anni riproponiamo una riflessione di don Liborio Asciutto, pubblicata da cefalunews nel febbraio del 2011, quando la statua si doveva collocare al Molo, territorio della parrocchia da lui guidata.

«Quando ho saputo dell’iniziativa di porre al molo la Pietra della Memoria e ho visto la statua di Ruggero ne sono stato entusiasta. Mi colpiva la ieraticità del volto regale e trovavo estremamente consono l’abbinamento col molo, luogo d’ingresso dal mare verso la città». Per don Liborio la collocazione di quella statua rappresentava «un elemento senz’altro arricchente per il turismo di Cefalù, così come lo sono state le vetrate di Michele Canzoneri per la cattedrale e come lo sarebbe, se sarà realizzato, il portone proposto nel bozzetto di Pomodoro: il moderno che si lega al passato e apre a nuovi orizzonti». Per il Parroco dell’Itria il discorso sulla Pietra della memoria spingeva a guardare a tutta la città di Cefalù. «Allargando il discorso, non dovremmo interrogarci sul senso della nostra Città, su ciò che la caratterizza nel suo profondo e dalle sue origini? Le opere in essa realizzate, la sua struttura, la sua posizione non ci indicano forse dei percorsi da intraprendere o da perseguire? Spesso sono tornato sul ‘sogno di Ruggero’ quale riproposizione utopica ed ecumenica del suo far convivere cristianesimo e islam; ma questo potrebbe essere solo un piccolo tassello da connettere ad altri tasselli, per fare di Cefalù una città-laboratorio di idee e progetti che si concretizzino in realtà effettive di crescita e di sviluppo».

E don Liborio, quasi profeticamente, così chiudeva allora la sua riflessione: «Non possiamo non constatare con amarezza come, di decennio in decennio, Cefalù non solo non si è abbellita di nessuna opera esterna (monumenti, piazze, opere d’arte), ma la sua ‘immagine’ si è sempre più deteriorata e degradata. Forse, accanto ad una Pietra della Memoria, occorrerebbe pensare ad una Pietra del Riscatto, che spinga Cefalù a credere in sé e a risollevarsi».

Condividi0
@2019 - cefalunews.org. All Right Reserved. Designed and Developed by PenciDesign